MINDFUL YOGA



Mindful - Yoga non è un particolare tipo di Yoga, ma è semplicemente il percorso dello Yoga come strumento per praticare meditazioni che includono  alcune varianti del respiro, l’osservazione  del corpo, la meditazione dei suoni e dei pensieri, la meditazione camminata e l’alimentazione consapevole.

Ciò che distingue le diverse meditazioni è fondamentamente l'oggetto principale di attenzione.

Se nella meditazione del respiro, nella meditazione del corpo, in quella dei suoni, dei pensieri e la camminata, gli oggetti sono rispettivamente il respiro, il corpo, i suoni, i pensieri e l'atto del camminare, nello Yoga mindfulness l'oggetto principale di attenzione è l'esecuzione delle posizioni yoga.

Nella pratica della mindfulness, infatti, qualsiasi evento percepibile può essere oggetto di attenzione e dunque non sorprende che anche le posizioni yoga possano assumere il ruolo di oggetto di focalizzazione dell'attenzione.

Allo stesso modo, come avviene in tutte le altre pratiche della mindfulness, viene dato particolare rilievo al modo caratteristico con il quale vengono "trattate" le normali deviazioni dell'attenzione.

Nella meditazione del respiro, ad esempio, quando la mente divaga e si allontana spontaneamente dal respiro, l'istruzione consiste nel notare la divagazione, accoglierla e riconoscerla, nel diventarne semplicemente consapevoli, per poi riportare l'attenzione al respiro.

Allo stesso modo, nello Mindful Yoga, le deviazioni dell'attenzione sono accolte e riconosciute, per portare nuovamente l'attenzione alla posizione che si sta tenendo.

Si ritiene, infatti, che lo scopo fondamentale della mindfulness non sia la concentrazione o l'assorbimento, ma la consapevolezza dell'esperienza interiore che include le normali deviazioni dell'attenzione e la normale tendenza ad essere distratti da pensieri, immagini, ricordi, giudizi, idee, preoccupazioni, anticipazioni del futuro e da qualsiasi evento che attiri l'attenzione distogliendola dall'oggetto principale.




La sequenza di focalizzazione, divagazione e rifocalizzazione è lo specifico "allenamento" della mindfulness che promuove la consapevolezza e la percezione dalla propria attività mentale in quanto tale.

Mindful  Yoga pone  l’oggetto principale di attenzione nell’esecuzione delle posizioni yoga e le deviazioni dell’attenzione sono accolte e riconosciute, per portare nuovamente l’attenzione alla posizione che si sta tenendo, mantenendo come  principio fondante  Ahimsa (non violenza) nei confronti di noi stessi e degli altri.  


Le basi attitudinali della piena consapevolezza saranno inoltre  il perno attorno al quale ruoterà l’intera pratica: 
  • mente non giudicante,  
  • pazienza , 
  • attitudine da principiante,  
  • fiducia , 
  • non sforzo, 
  • accettazione , 
  • lasciare andare, 
  • compassione.
Pertanto, la possibilità di superare la fatica di tenere una posizione può insegnare che è possibile superare l'idea che una certa emozione sia intollerabile.

È il caso, ad esempio, della possibilità di superare alcune paure "intollerabili", o la tendenza percepita come "incoercibile" a cadere in alcuni comportamenti negativi o distruttivi.

Da questo punto di vista lo Mindful Yoga ha uno straordinario ruolo terapeutico in molti disturbi e problemi emotivi, dai problemi di ansia, alle compulsioni e a molte dipendenze.

Qui altre info sulle Asana interessate


“ prova ad essere il cambiamento che vuoi vedere nel mondo...Mahatma Gandhi...